• Home
  • News
  • BUL Salute: XV Conferenza ScienzaSaluteSocietà

BUL Salute: XV Conferenza ScienzaSaluteSocietà

I cambiamenti che la tecnologia digitale porta nella società e in particolare nel mondo del Lavoro e della Sanità saranno l'oggetto di discussione della XV Conferenza ScienzaSaluteSocietà che si terrà a Monteforte D'Alpone (Verona), venerdì 19 gennaio 2018.
Modererà i lavori Gian Guido Folloni, già Senatore e Presidente dell'Istituto Italiano per l'Asia e il Mediterraneo e IsiameD, che il Governo ha recentemente riconosciuto come promotore del Modello Italiano di Innovazione Digitale. La conferenza è patrocinata, tra gli altri, dalla Regione Veneto e dal Comune di Monteforte D'Alpone.
Al convegno parteciperanno anche il Sindaco, Gabriele Marini, l'Assessore alla Sanità della Regione Veneto, Luca Coletto, e il Direttore Generale AOUI di Verona, Francesco Cobello. I relatori affronteranno i temi dell'automazione, dell'intelligenza artificiale, delle nuove dinamiche del Lavoro, della cura e prevenzione in materia di Salute. 
Padre Augusto Chendi, Sottosegretario emerito del Pontificio Consiglio per la Pastorale della Salute, tratterà il tema dei diritti e dei doveri nei cambiamenti in atto nella società contemporanea.
Pier Domenico Garrone, Senior Partner IsiameD, porrà l'attenzione sul profilo del mondo 4.0 e sulle sue fondamenta, cioè collaborazione, automazione e connessione.

Abbiamo rivolto alcune domande sulle finalità del Symposium al dott. Giuseppe Recchia, Comitato Promotore della XV Conferenza ScienzaSaluteSocietà.


Dott. Recchia, quale obiettivo vi proponete dedicando la XV Conferenza ScienzaSaluteSocietà ai cambiamenti che l'innovazione produrrà in materia di Salute e Lavoro?

La riflessione degli esperti e la discussione con la società civile sui rapporti e sulle relazioni tra scienza, sanità, scienza e salute, sulle implicazioni etiche e sociali delle innovazioni della tecnologia, sulle modalità di introduzione della innovazione tecnologica nella vita quotidiana sulle persone rappresentano da sempre l'oggetto primario di interesse della Associazione ScienzaSaluteSocietà.

Le parole chiave della edizione 2018 sono Salute e Lavoro, Diritti e Doveri e soprattutto Cambiamento, la velocità del quale oggi non ha confronto con il passato.
Le caratteristiche di questo cambiamento nel Mondo 4.0, il mondo nel quale sta avvenendo la 4° rivoluzione industriale e del quale la collaborazione (nessuno può operare da solo), la connessione (pervasiva e talora intrusiva) e l'automazione ne sono alcune delle caratteristiche primarie, verranno trattate da Pier Domenico Garrone.
Aspetti di questi cambiamenti interessano da una parte la tecnologia e le sue conseguenze sul lavoro, dall'altra l'invecchiamento  e le sue implicazioni per la salute.
Tecnologia e Lavoro
Il 2018 è l'anno in cui l'intelligenza artificiale esce dalla discussione ristretta degli esperti  e raggiunge la pubblica opinione, che da una parte attende le nuove opportunità che questa tecnologia promette di offrire, dall'altra ne è presentata per i riflessi sia di natura occupazionale che etica.
Lo sviluppo di ogni nuova tecnologia deve essere accompagnato da un dibattito aperto sulle sue implicazioni etiche e sociali, per comprendere se abbiamo un nuovo alleato o un potenziale competitore e per identificare possibili modalità per trasformare in alleato un competitore. Da sempre la tecnologia ha determinato la obsolescenza di alcuni ruoli professionali e l'emergenza di altri. L'intelligenza artificiale - intesa all'interno di una più ampia trasformazione digitale delle nostre attività - probabilmente amplificherà in misura esponenziale questo aspetto, determinando la scomparsa certa di numerosi lavori e la comparsa, più incerta, di altri, come evidenzierà nel suo intervento Juri Andriollo.
Se il lavoro è un Diritto, prepararsi al lavoro nell'era delle intelligenza artificiale è un Dovere. Come programmare e realizzare tale preparazione - a livello sia collettivo che individuale - sarà oggetto della relazione di Marco Degan.
Invecchiamento e Salute
L'altra dimensione del cambiamento interessa l'invecchiamento della popolazione e la dimensione della salute. 
L'invecchiamento è il più evidente marcatore di successo dello sviluppo di una popolazione. Solo una società in grado di adottare misure ambientali, igieniche, sanitarie appropriate riesce a portare ad età avanzata la gran parte dei propri membri. 
Ora si tratta di compiere un altro passo ed assicurare  che tale invecchiamento avvenga in salute, in modo da garantire all'anziano lo stato di benessere fisico, psichico e sociale e non la semplice assenza di malattia che caratterizza la salute.
Chiara Bovo e Giovanna Scroccaro approfondiranno gli strumenti  che sanità e farmaco oggi offrono per conseguire tale fine e le modalità di un loro uso appropriato per assicurare la sostenibilità degli interventi. 
Una delle modalità primarie attraverso le quali conseguire l'obiettivo dell'invecchiamento in salute è la prevenzione della malattia. Prevenzione che richiede la conoscenza da una parte dei determinanti della salute e dall'altra dei fattori di rischio della malattia. La prevenzione vaccinale nell'adulto e nell'anziano rappresenta oggi una delle modalità di maggior rilievo per tale fine.
Padre Augusto Chendi, nella sua lettura magistrale, interpreterà i diversi aspetti del lavoro e della salute trattati nella conferenza alla luce della dottrina sociale della Chiesa e della carta degli operatori sanitari della Santa Sede, pubblicata lo scorso anno, la divulgazione della quale rappresenta un ulteriore obiettivo della conferenza.

 

Cosa ha indotto il Comitato promotore a scegliere IsiameD come coordinatore della Conferenza?

La Associazione ScienzaSaluteSocietà, al compimento del suo 15° anno di attività, intende entrare in una nuova fase di sviluppo, che partendo dalla propria esperienza e dalla riflessione condotta in questi anni su Salute, Lavoro, Invecchiamento, Salute Globale, Sport si allarghi a considerare nuovi fenomeni, quali la tecnologia, la trasformazione digitale, i nuovi ruoli del cittadino e del paziente, in un mondo in trasformazione.
Per tale motivo ha rivolto al Sen. Folloni ed al dottor Garrone, di IsiameD, l'invito da una parte a moderare la conferenza, dall'altro ad inquadrare la tematica del cambiamento. 
Sulla base delle proprie competenze ed esperienza, IsiameD saprà porre attenzione alla necessità di introdurre le nuove tecnologie favorendo il loro sviluppo in armonia con il sentire sociale ed i valori del paese e della comunità nella quale vengono introdotte.

 

A suo avviso, quali sono gli aspetti, i valori e gli impegni che vanno tutelati in questo percorso d'innovazione della società italiana?

Innanzitutto il rispettoper le persone, per i loro valori e per la loro cultura. La trasformazione digitale - in particolare per quanto riguarda le tecnologie basate sull'intelligenza artificiale - deve avvenire in armonia con i valori sociali della comunità ed evitare il rischio di porre ai margini fasce più o meno ampie di tale popolazione.
Il rischio di "analfabetismo" tecnologico è elevato e altrettanto elevato il rischio di creare una società a strati, basata sulla conoscenza e sulla adozione della tecnologia e sul conseguente uso delle informazioni che da questo deriva.
La discussione con i cittadini, la formazione delle persone (indipendentemente dalla loro età), la riqualificazione professionale dei lavoratori interessati dalle nuove tecnologie sono condizioni primarie per consentire la loro introduzione in modo da esaltarne i benefici e limitarne le conseguenze negative.
 

Mission

IsiameD è la prima management company dedicata all'innovazione digitale del sistema produttivo e sociale italiano.
La nostra Mission

Contatti

IsiameD Digitale Srl
Tel. +39063230235
Fax. +390669373109
Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Sede Legale e Operativa:
Via Cola di Rienzo 44 - 00192 Roma - Italia

Newsletter

Powered by ChronoForms - ChronoEngine.com

IsiameD Digitale Srl - P.IVA/CF: 14040821002 - © 2016 All Rights Reserved.